Mauro Montacchiesi

Che risana ferite

Mi inebrio
della fragranza della lussuria
teobroma ambrosia
che risana ferite
che fa sentire immortale.
Ed inizio libandola
sorbendola a fior di labbra.
Subito dopo
impeto inarrestabile
seguito
da profonda amarezza
irruenza alienazione.
Ed fuoco che divampa
sublime tormentoso struggimento
di questa mia vita.
E' sentimento profondo
che irrimediabilmente unisce
che da nuova forma
ad alte temperature.
Selvaggiamente bestiale
turbolento come uragano.
Vortice abissale dell' esistenza.
Sono granello di stella
filo d' erba sbattuto senza riparo.
La mente si ritrova gitana
lentamente tra platani d' un viale d' autunno
che osservano il pianto
pianto della dolce pazzia!

 

All rights belong to its author. It was published on e-Stories.org by demand of Mauro Montacchiesi.
Published on e-Stories.org on 08/12/2008.

 

Comments of our readers (0)


Your opinion:

Our authors and e-Stories.org would like to hear your opinion! But you should comment the Poem/Story and not insult our authors personally!

Please choose

Previous title Next title

Does this Poem/Story violate the law or the e-Stories.org submission rules?
Please let us know!

Author: Changes could be made in our members-area!

More from category"General" (Poems)

Other works from Mauro Montacchiesi

Did you like it?
Please have a look at:

Sono aquila austera - Mauro Montacchiesi (Love & Romance)
Chinese Garden - Inge Hornisch (General)
Le isole della pace (bersetzung von Inseln der Ruhe) - Ursula Mori (Life)